“COSMOS 2021”. PREMIATA LA RECENSIONE DI NICOLETTA MARIA PIA SIVIGLIA

“L’Arte della statistica” di David Spiegelhalter e “La sfrontata bellezza del cosmo” di Licia Troisi. Questi secondo la giuria i testi vincitori della terza edizione del premio “Cosmos” per la migliore opera di divulgazione scientifica nei settori della Fisica, dell’Astronomia e della Matematica. Il regolamento della manifestazione prevede inoltre vengano selezionate e premiate anche alcune recensioni degli studenti ai lavori in concorso. Proprio nell’ambito di questa categoria, presente anche il nostro Istituto con il lavoro dell’alunna Nicoletta Maria Pia Siviglia della classe IV A Liceo, una recensione al volume di Lorella Carimali

Quella appena andata in archivio è stata una kermesse nata dall’iniziativa di un gruppo di scienziate e scienziati italiani di fama internazionale, in sinergia con la Società Astronomica Italiana, e la Città Metropolitana di Reggio Calabria – Planetario Pythagoras, con l’obiettivo di promuovere la cultura scientifica in Italia ed in particolare al Sud. Oltre al “Premio Cosmos” assegnato direttamente dal Comitato Scientifico ad un’opera di divulgazione scientifica selezionata tra quelle inviate dalle case editrici alla segreteria del premio, l’iniziativa prevedeva il coinvolgimento degli studenti attraverso il “Premio Cosmos degli Studenti”, indetto dalla Società Astronomica Italiana, dal Ministero dell’Istruzione, dal Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, dalla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione Uff. I, nell’ambito del Protocollo d’Intesa MI/SAIT, in sinergia con la Città Metropolitana di Reggio Calabria-Planetario Pythagoras con l’obiettivo di rendere i giovani, protagonisti di un’importante iniziativa scientifica, offrendo loro la possibilità, attraverso la lettura di opere di divulgazione scientifica, di sviluppare capacità critiche. All’edizione 2021 hanno preso parte studentesse e studenti iscritti frequentanti gli Istituti di istruzione secondari di secondo grado. Il regolamento prevedeva venissero individuate cinque opere di divulgazione scientifica nei settori dell’Astronomia, Fisica e Matematica tra cui scegliere l’opera vincitrice del “Premio Cosmos degli Studenti”. Comprensibilmente soddisfatta a margine della premiazione, Carmen Lucisano, nostro dirigente: “Ancora una volta – dice  – abbiamo la gioia di registrare un successo importante in una manifestazione di respiro nazionale riservato ad un ambito, come quello della divulgazione scientifica a cui teniamo particolarmente. Certe discipline – prosegue – costituiscono per i nostri ragazzi un’importante occasione di crescita in linea con la mission individuata da un Istituto cresciuto negli anni in modo esponenziale, proprio attraverso la caratterizzazione della propria offerta formativa. Conservare un occhio attento alle scienze – conclude la Lucisano – significa tracciare un’ideale linea retta verso un futuro luminoso per i nostri ragazzi e in questo senso, il risultato, l’ultimo in ordine di tempo, conseguito dalla nostra alunna con la sua recensione, unito ai tanti ottenuti in passato, ci restituisce la cifra di un successo rispetto ad una precisa scelta formativa di cui andiamo fieri”.

La redazione

Di seguito, la recensione premiata:

L’EQUAZIONE DELLA LIBERTA’ – DI LORELLA CARIMALI “…il migliore augurio che possa fargli: trovare la formula della libertà” questa è una delle tante frasi che Lorella Carimali, docente di matematica e fisica, scrive a conclusione del suo splendido libro “L’equazione della libertà” redatto da Rizzoli nel 2020. Quando pensiamo alla matematica pensiamo a una montagna troppo ripida da poter essere scalata, pensiamo a un mostro che fa paura, a qualcosa di incomprensibile, troppi simboli, troppe lettere e troppe incognite difficili da risolvere ma Lorella Carimali smonta tutto ciò con pochi ma sostanziosi capitoli che non si concentrano solo su quanto detto poiché l’obiettivo dell’autrice è quello di dimostrare che i pregiudizi legati alla matematica sono dei pregiudizi insensati. La maggior parte dei capitoli contiene nel titolo il termine “matematica”. Il viaggio inizia proprio con il capitolo ” La matematica è un’opinione?” fino ad arrivare al capitolo “La matematica è per tutti e tutte noi” e a molti altri. L’autrice ha deciso di iniziare ogni capitolo riportando alcune citazioni di personaggi come il matematico scozzese Georg Cantor , il logico, filosofo e matematico britannico Bertrand Russell, il biologo e naturalista britannico Charles Robert Darwin e lo scrittore italiano Italo Calvino ma la lista continua e notiamo soprattutto la presenza di poche immagini che vanno a chiarire i concetti spiegati o a dimostrare quanto scritto. Con le sue grandi doti da professoressa di matematica che ama il suo mestiere e la sua materia alla follia, Carimali ,con deduzioni logiche e ragionamenti, spiega che la matematica riportando le parole del libro è ” un’opinione condivisa da tutti coloro che accettano gli assiomi su cui essa si basa ” ed è libertà, relatività ma anche creatività infatti non ci impone dei limiti ma ci permette di guardare il mondo con occhi diversi perché in fondo un matematico ,come un artista, disegna su un foglio bianco la formula che viene poi dimostrata per dare origine a quello che è il teorema. Spesso sentiamo dire che la matematica è una disciplina inutile e che saper risolvere un problema di geometria o un’equazione nella vita non serve a nulla ma in questo libro l’autrice afferma che la matematica è quotidianità perché possiamo sfruttare quest’ultima ogni giorno per calcolare anche le cose più banali come per esempio la palestra che offre l’abbonamento migliore utilizzando l’equazione che tutti conosciamo ossia y=mx+q. Altri ancora credono di non essere portati per questa disciplina perché condizionati dalle opinioni delle persone che hanno affianco o perché non credono in loro stessi, per non parlare poi di coloro i quali sostengono che la matematica è solo per gli uomini. Questi sono due stereotipi impensabili e infondati, privi di qualsiasi nesso logico, che la professoressa Carimali smentisce in ben due capitolo del libro preso in considerazione affermando che con dedizione e forza di volontà tutti possono diventare dei grandi matematici, anche le donne, basta pensare a figure come Mileva Marić, grande matematica e fisica e moglie di Albert Einstein, che svolgeva per il marito tutti i calcoli matematici e a Maryan Mirzakhani citata dall’autrice per essere stata la prima donna a vincere la medaglia Fields. Questo libro è molto vicino a noi perché ricco di aneddoti ambientati a scuola dove la nostra professoressa insieme ai suoi alunni intraprende vari spunti di riflessione e non mancano aneddoti relativi alla DAD, sigla usata per indicare la didattica a distanza, un metodo di insegnamento alternativo che ci ha permesso di continuare a studiare nonostante la pandemia causata dal Covid-19. Carimali è una docente che, oltre ad avere un’ottima preparazione, riesce a fare quello in cui molti docenti falliscono ossia comprendere i suoi allievi e far comprendere a questi ultimi che la matematica allarga i loro orizzonti rendendoli liberi. Inoltre premia i suoi allievi con un voto che forse non rispecchia la loro preparazione ma l’impegno e la forza di volontà e accende il loro la fiamma della curiosità e della voglia di mettersi in gioco anche a costo di fallire perché si impara sbagliando. Il libro si conclude con un augurio della professoressa rivolto ai suoi ragazzi, un augurio che, a mio parere, è rivolto a tutti noi: l’augurio di trovare la formula della libertà di sbagliare, di credere, di scegliere chi diventare per mostrare sempre il sorriso più bello che solo la nostra felicità può donarci.

Di Nicoletta Maria Pia Siviglia IV A Liceo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Follow by Email
Facebook
Google+
http://euclidenews.altervista.org/cosmos-2021-premiata-la-recensione-di-nicoletta-maria-pia-siviglia">
Twitter
INSTAGRAM