MONACHESIMO BIZANTINO IN CALABRIA. L’EUCLIDE PRESENTE AL CONVEGNO DEL PARCO ARCHEODERI

Oggi parliamo di scuola e territorio, un connubio inscindibile che a Bova Marina e nell’area grecanica trova la sua più alta espressione nell’attività onnipresente del nostro Istituto, da anni impegnato a trecentosessanta gradi in un’opera di apertura al territorio, attraverso iniziative di natura didattica ma anche e soprattutto culturale in senso più ampio. Da sempre, ed in particolar modo negli ultimi anni, la nostra scuola è stata infatti sotto i riflettori in funzione dell’ormai consolidato duplice ruolo di collettore e volano di interessi culturali che vanno assolutamente oltre la consueta parte formativa, abbracciando diverse sinergie con Enti pubblici, associazioni, e realtà culturali di eccellenza del territorio di riferimento.  Tra queste, un posto di primo piano va certamente ascritto al Parco Archeologico “Archeoderi di località San Pasquale”, una realtà unica nel suo genere nel panorama dell’archeologia in provincia di Reggio Calabria ma più in generale anche nel panorama regionale. Ultima occasione in ordine di tempo che ha visto la presenza con una delegazione del nostro Istituto proprio al Parco Archeologico, è stata offerta dal convegno seminario dal titolo “Viaggio nella Calabria bizantina ed influenza dei monaci”, promosso ed organizzato dall’Associazione “Bova Life”. Ai lavori coordinati dal giornalista Giorgio Neri hanno preso parte Il sindaco di Bova Marina Saverio Zavettieri, il presidente di Bova Life Saverio Micheletta; Orsola Laura Delfino in rappresentanza del Mibact. Le relazioni sono state quelle di Pasquale Amato, Antonio Chilà, Giuseppe Hyeraci, Giacomo Oliva e Padre Nilo Vatopedino. A margine della manifestazione abbiamo raccolto la testimonianza del nostro dirigente Carmen Lucisano, in merito al ruolo della scuola nel territorio e soprattutto relativamente ad una sinergia che si consolida in maniera sempre più efficace.

“Siamo particolarmente felici – dice Carmen Lucisano ai microfoni di Euclide News – perché la presenza a quest’ultimo importante appuntamento, di una nostra delegazione composta da ragazze del Liceo Scientifico e guidata dalla Professoressa Margherita Festa, non ha fatto altro che confermare una nostra strategia che si va consolidando nel tempo, dando della nostra scuola un’immagine ben precisa, quella che ci eravamo prefissati nel tracciare le linnee guida della nostra programmazione culturale prima ancora che didattica. Apertura verso il territorio, con la scuola che diventa polo di attrazione culturale e cassa di risonanza per eventi di assoluto livello nel panorama locale ma ovviamente anche oltre. L’anno scolastico è appena iniziato – conclude il Dirigente – ma il viatico è certamente dei migliori, una partenza che rappresenta l’ideale continuità di un percorso mai interrotto, che siamo certi ci regalerà grandi soddisfazioni, mettendo al centro dell’attenzione la scuola, la formazione, la cultura ma prima di ogni cosa, i nostri ragazzi, quelli che costituiscono la speranza vera per il nostro futuro”.

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Follow by Email
Facebook
Google+
http://euclidenews.altervista.org/monachesimo-bizantino-in-calabria-leuclide-presente-al-convegno-del-parco-archeoderi">
Twitter
INSTAGRAM